RESOCONTO GIORNATA {{'2015-10-07' | amDateFormat: 'DD MMMM YYYY'}}

IL RESOCONTO

Il Brescia si aggiudica il match di andata dei sedicesimi di finale della Uefa Women's Champions League vincendo per 1 a 0 contro il Liverpool. È la prima, storica, vittoria europea per le biancoblu. A festeggiare la vittoria anche una bella cornice di pubblico che nonostante l'incessante pioggia ha sostenuto le calciatrici per tutti i novanta minuti. Nei primi quindici minuti le squadre si studiano giocando molto a centrocampo senza offrire spunti interessanti e occasioni da gol, così mister Bertolini decide di invertire gli esterni d'attacco con Cernoia a sinistra e Bonansea a destra. Al 21' ci prova Linari con una gran botta dai 35 metri ma Gibbons blocca la sfera in presa facile. Passano 5 minuti e il Brescia si fa pericoloso con Bonansea che dalla sinistra crossa al centro per Tarenzi che contrastata prova a calciare in porta da pochi passi ma la palla esce di un nulla. Il Brescia gioca meglio e al 29' trova il gol con Sara Gama. L'ex PSG calcia potente dalla distanza, Gibbons smanaccia male e la palla supera la linea di porta quel tanto che basta per far gioire il Brescia. Gol importante anche per le statistiche visto che si tratta del primo gol europeo delle leonesse.Al 35' le ragazze di mister Bertolini fanno venire i brividi al pubblico del Rigamonti: Cernoia serve benissimo Bonansea sulla sinistra che calcia in diagonale ma la palla si stampa sul palo a portiere battuta. Sul finale del primo tempo prova a farsi vedere nuovamente il Brescia ma la mischia in area avversaria termina con un nulla di fatto e l'arbitro Persson fischia la fine della prima frazione di gioco. A inizio secondo tempo il Liverpool cambia l'undici iniziale inserendo Oshoala per Hodson. Al 5' è proprio la neo entrata Oshoala a creare scompiglio nella retroguardia biancoazzurra con un cross al centro per la compagna che però calcia alto sopra la traversa. All'11' arriva il primo cambio per il Brescia: la numero 10 Girelli lascia il posto ad Alborghetti per rinforzare il centrocampo. Il Liverpool cresce d'intensità fisica ma è il Brescia a rendersi pericoloso con Tarenzi che s'invola sulla destra e mette in mezzo ma la palla termina fuori di poco. Al 27' il Brescia continua a far spaventare la difesa inglese con Alborghetti che dalla destra mette al centro rasoterra ma Sabatino non ci arriva di un soffio e la difesa spazza. A dieci dal termine Milena Bertolini effettua il secondo cambio inserendo Boattin per Eusebio. All'83' Marchitelli è bravissima a mantenere inviolata la propria porta salvando di piede la potente conclusione in diagonale di White. Al minuto ottantaquattro doppie emozioni per il Brescia: la prima è una palla al bacio per Sabatino che a tu per tu con Gibbons mette in rete ma la gioia viene interrotta dalla bandierina alzata dall'assistente. Qualche secondo più tardi è sempre Sabatino a far tremare il pubblico: la centravanti biancoazzurra lotta con un'avversaria ma trova comunque il modo di calciare in porta. La palla termina però a fil di palo. È l'ultima occasione della partita e dopo 4 minuti di tensione l'arbitro fischia la fine della partita.

BRESCIA - LIVERPOOL 1-0
BRESCIA (3-4-1-2):
Marchitelli, Gama, D'Adda, Linari; Cernoia, Eusebio (36' st Boattin), Rosucci, Bonansea; Girelli (11' st Alborghetti); Tarenzi, Sabatino. A disp.: Ceasar; Ghisi, Mele, Serturini, Lenzini. All.: Bertolini.
LIVERPOOL (3-4-3): Gibbons; Bonner, Ómarsdóttir, Murray; Zelem, White, Harris, Ryland; Hodson (1' st Oshoala), Dowie, Staniforth. A disp.: Darbyshire, Beckwidth, Dale, Pacheco. All.: Beard.
ARBITRO: Persson (Svezia).
MARCATRICE: 29' pt Gama.
AMMONITE: Ryland, Alborghetti.

I VIDEO

LA CLASSIFICA

1. Fiorentina 63
2. Brescia 55
3. Verona 45
4. Mozzanica 44
5. Res Roma 35
6. Tavagnacco 33
7. Cuneo 26
8. San Zaccaria 21
9. Como 19
10. Chieti 15
11. Luserna 14
12. Jesina 9

ULTIMA PARTITA

4 - 0

NOVITÀ! È ONLINE LO STORE UFFICIALE
DEL BRESCIA CALCIO FEMMINILE
Abbigliamento, Accessori, Idee regalo

SCOPRI LO STORE DELLE LEONESSE
STORE UFFICIALE DEL BRESCIA CALCIO FEMMINILE